Una favola che ha tanti attori protagonisti ma con uno scrittore ben preciso: Marco Scorsini.
Il tecnico viterbese è senza dubbio l’uomo guida di questo piccolo miracolo calcistico messo in piedi dalla Polisportiva Monti Cimini. Il successo per 1-3 in casa della capolista Real Monterotondo Scalo è forse una delle pagine più belle scritte da questo gruppo partito ad agosto con pretese di salvezza e che con la stessa umiltà di quattro mesi fa si sta togliendo grandi soddisfazioni.

Mister Scorsini, sono terminati gli aggettivi per definire la sua squadra?
“Ieri al termine della gara li ho ringraziati uno ad uno per questo cammino che è veramente splendido, sono meravigliosi. Non era scontato andare a vincere in casa della capolista ma soprattutto non era affatto facile reagire da grande squadra al loro pari dopo pochi secondi dall’inizio della ripresa”.

Forse però questa è la vittoria simbolo, di tutto quello che gira dietro la Polisportiva Monti Cimini…
“Chiaro che nove risultati utili consecutivi non si fanno per caso. Dietro c’è un grande lavoro di equipe. Dalla grandissima disponibilità che ho trovato in questa società, al lavoro del mio staff tecnico e quello medico. Ed infine la grande applicazione che questi ragazzi stanno mettendo in questi quattro mesi”.

Tanti complimenti possono destabilizzare il gruppo?
“Fanno sempre piacere ma se vogliamo continuare a sognare e stare nel plotone delle top allora i complimenti devono terminare la domenica sera. Questo è un campionato, ed i risultati di ieri ce lo dicono, che se non prepari la gara con la massima attenzione si rischia di arrivare a domenica pomeriggio e piangere”.

Terzo posto che fa brillare gli occhi. E se prima di Natale arrivasse qualche regalo per restare tra le big del girone?
“La classifica non la stiamo guardando, la vediamo solo domenica dopo aver giocato. E forse questa è la nostra vera forza. Stiamo cercando di preparare ogni match come una finale. Mercato? Avremo un incontro col ds e la società per fare il punto della situazione. Vediamo se possiamo rimpinguare una rosa piena di giovani. Senza nessun stravolgimento particolare cercheremo di inserire qualche pedina di ricambio per un gruppo che finora ha tirato la carretta”.
Ufficio Stampa Pmc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Modulo anti-spam inserisci il risultato dell'addizione per pubblicare il tuo commento *